Il presidente UEFA Michel Platini: “Se un giocatore adotterà comportamenti razzisti chiederò che sia bloccato per uno o due anni”21 gennaio 2008

Mentre si prepara a festeggiare il suo primo anno quale presidente UEFA, Michel Platini parla ancora una volta con AFP della realizzazione del suo programma. All’ex protagonista della nazionale francese e della Juventus sta a cuore soprattutto continuare a ribadire il proprio impegno nella lotta al razzismo e alla violenza negli stadi:
“Nella lotta alla violenza nel calcio sfrutteremo il turno di presidenza francese per promuovere la creazione di un corpo di polizia europea del calcio. Il prossimo 5 febbraio avrà luogo un incontro con il gabinetto del ministro dell’interno francese Michèle Alliot-Marie, che speriamo voglia sostenere energicamente la creazione della polizia dello sport e contribuire a migliorare il coordinamento degli interventi transfrontalieri. Nella nostra lotta al razzismo continuiamo a collaborare con vari progetti educativi; per gli Europei del 2008 abbiamo previsto una campagna incentrata su questo tema. Al momento, la tolleranza nei campi da calcio è a livello zero. Se un giocatore adotterà comportamenti razzisti, ne chiederò addirittura il blocco per uno o due anni dalle nostre manifestazioni sportive – anche se il nostro tribunale UEFA è indipendente“. Secondo Michel Platini uno dei buoni propositi del calcio europeo per il 2008 deve essere “il rispetto nei confronti di tutti i partecipanti – calciatori, spettatori e arbitri“.