Platini rimarca i valori dello sport25 gennaio 2008

Il presidente UEFA Michel Platini ha lanciato un appassionato appello in nome della salvaguardia di quelli che, secondo lui, sono i valori e le peculiarità del calcio e dello sport in generale.

Influssi negativi
Nel suo discorso di fronte al Consiglio d’Europa, Platini si è dichiarato molto preoccupato del fatto che i fondamentali valori sociali e culturali del calcio soccombano sempre più al peso di vari influssi negativi.

Ha ribadito quanto sia importante preservare i valori fondamentali del cosiddetto modello europeo di sport, ovvero la solidarietà economica e l’apertura a gare secondo il principio della competitività basata sul sistema di promozione e retrocessione, e ha chiesto al Consiglio di appoggiare un progetto di risoluzione incentrata sulla natura specifica dello sport e sul modello europeo di sport.

Forte funzione catalizzante
“Lo sport europeo ha sempre svolto una forte funzione catalizzante dell’integrazione sociale e culturale” ha dichiarato Platini.

“A causa delle mie stesse origini io stesso, come decine di milioni di cittadini europei, sono il risultato di questa incredibile miscela di popoli che costituisce l’Europa in cui oggi viviamo. Sono cresciuto come persona con e grazie allo sport, e ora vorrei estinguere il mio debito dando il mio contributo attivo a questi valori tanto fondamentali per noi.

Aspetti chiave
“Sono due gli aspetti chiave che rendono il modello europeo di sport tanto unico e assolutamente equo: la solidarietà economica tra i vari livelli dello sport in Europa e l’apertura delle competizioni basata sul sistema di promozione e retrocessione.

“Ogni tentativo di minare alla base questi due elementi causerebbe l’immediata fine del rapporto fondamentale che intercorre tra lo sport e la società in Europa”.

Problemi sociali
Platini ha inoltre aggiunto che lo sport – ed in modo particolare il calcio – è lo specchio di molti problemi sociali, essendo lo sport più popolare in assoluto e quello che – come nessun altro sport – attira l’attenzione dei mass media.

Sul tema della violenza, egli ha commentato: “La nostra società, in passato, ha già trasmesso altre piaghe allo sport: il riciclaggio del denaro sporco, le partite truccate, le scommesse illegali, il razzismo e la xenofobia, il doping, il traffico dei minori. L’elenco è molto più lungo, ma ci permette di individuare con chiarezza i settori in cui la stretta collaborazione tra gli organismi sportive e le autorità pubbliche è tanto necessaria quanto inevitabile”. Platini ha detto che se si tratta lo sport professionista come qualsiasi altra attività commerciale, alla fine tutte le attività sportive sarebbero viste attraverso la “lente terribilmente distorta della legge della competitività”.