La FIFA mostra i denti30 giugno 2005

La FIFA, l’autorità che disciplina il calcio mondiale, si è data il potere di sanzionare i membri che non prendono adeguate misure a seguito di incidenti di matrice razzista. Questa recente iniziativa, che inasprisce le precedenti norme della FIFA contro la discriminazione, è stata approvata dopo che, nella scorsa stagione, numerosi incidenti razzisti hanno macchiato incontri calcistici a livello internazionale.

In una dichiarazione ufficiale, la FIFA ha così commentato le nuove regole: “La FIFA dispone ora di uno strumento legale per punire i membri che non gestiscono incidenti di matrice razzista in conformità con lo statuto FIFA e il codice disciplinare FIFA”.

Nel 2001, la FIFA ha approvato una risoluzione contro la discriminazione, però – con disappunto di molti attivisti – ciò non è bastato a motivare i membri FIFA ad intraprendere adeguate misure di prevenzione contro il razzismo. Le nuove regole dovrebbero consentire alla FIFA di assumere una posizione più dura, analogamente al modo in cui la UEFA sta punendo squadre e autorità europee per gli incidenti razzisti.

Il presidente FIFA Sepp Blatter ha dichiarato: “Ora il razzismo sarà considerato alla stregua di qualsiasi altra violazione del codice disciplinare.”.